Infezione agli occhi: le domande da fare all'oculista

 

Oltre ad essere organi vitali, gli occhi sono anche particolarmente vulnerabili ed è opportuno agire con cautela quando si tratta della loro cura.

Alcune persone, ad esempio, tendono a trascurare disturbi come l'infezione agli occhi. Eppure, questa condizione può assumere anche una certa gravità; se quindi sospettiamo di soffrirne, è sempre bene rivolgersi al medico.

Questo articolo si propone di fare chiarezza su alcuni tipi di infezione agli occhi, suggerendo quali domande è opportuno rivolgere all'oculista e quali risposte è lecito attendersi.

Il mio occhio è infetto o danneggiato? Qual è la differenza?

L'infezione agli occhi è causata da microrganismi, che contaminano il bulbo oculare o l'area circostante. I danni all'occhio sono generalmente riscontrabili sulla superficie oculare e sono il risultato di cause fisiche, come un graffio dovuto al contatto con granuli o sabbia.

Anche un urto o una contusione nella zona intorno all'occhio possono danneggiare il bulbo oculare. Sia che si tratti di una infezione agli occhi, sia di una lesione a loro carico, la sintomatologia comprende gonfiore, prurito, visione offuscata, sensibilità alla luce e occhi acquosi o arrossati.

L'oculista sarà in grado di identificare se, nel nostro caso, si tratta dell'una o dell'altra condizione.

Come ha fatto l'occhio a infettarsi?

Vi sono infezioni oculari di diversa tipologia, le cui cause sono altrettanto diverse. In linea di massima, possiamo riconoscere tre macro-categorie: l'infezione agli occhi può avere origine virale, batterica o fungina.

Le infezioni batteriche o virali sono contratte da un microrganismo accidentalmente introdotto nell'occhio, solitamente attraverso le dita. Il rischio è maggiore, quindi, se siamo abituati a sfregare gli occhi con una certa frequenza.

L'occhio non è immune neppure dall'azione dei funghi, che possono introdursi al suo interno attraverso una ferita, ad esempio un graffio causato dal ramoscello di un albero. Un danno fisico rende quindi più alto il rischio di infezione.

Quali tipi di infezioni possono interessare l'occhio?

La congiuntivite infettiva è un'infezione agli occhi assai comune, e si manifesta con l'infiammazione della congiuntiva. A causarla, possono contribuire vari microrganismi.

La congiuntivite può anche essere il risultato del contatto con sostanze irritanti come il cloro, lo shampoo, i profumi, il fumo e un'ampia varietà di prodotti chimici. In questo caso, si parla di congiuntivite irritativa.

Le ulcere corneali tendono a verificarsi quando il processo infettivo di batteri, virus e funghi provoca una lesione della cornea, condizione che si manifesta con gonfiore e arrossamento oculari.

Anche l'orzaiolo è un'infezione agli occhi piuttosto frequente. Si presenta come un piccolo rigonfiamento arrossato, e può interessare sia l'interno sia l'esterno della palpebra.

In alcuni casi, i batteri possono invadere e ostruire i follicoli piliferi delle ciglia, causando dolore ed eccessiva lacrimazione.

Anche le malattie sessualmente trasmissibili, come la clamidia e la gonorrea, possono evolvere in un'infezione oculare, specie se ci si sfrega gli occhi dopo essere entrati a contatto con genitali infetti.

I portatori di lenti a contatto possono trovarsi a dover fare i conti con la cheratite da Acanthamoeba, un'infezione potenzialmente pericolosa per la vista, che si verifica quando alcuni parassiti invadono l'occhio.

Come trattare le infezioni oculari con successo?

Le infezioni oculari più comuni si risolvono in tempi relativamente brevi, a volte autonomamente o, comunque, con trattamenti poco invasivi. Se il medico lo ritiene opportuno, può prescrivere un collirio antivirale oppure delle gocce steroidee, che aiutino a calmare l'infiammazione.

Se si è colpiti da un'infezione batterica, sono invece disponibili pomate o gocce oculari ad azione antibiotica. In alcuni casi, il medico può optare per antibiotici da assumere per via orale.

Come posso evitare che l'infezione agli occhi si ripresenti?

L'igiene è essenziale nella prevenzione delle infezioni oculari. Considerata la quantità di microrganismi che normalmente stazionano sulle nostre mani, è d'obbligo lavarle con cura prima di toccare occhi e palpebre o prima di manipolare le lenti a contatto.

Sempre a proposito di lenti a contatto, queste non andrebbero mai indossate durante il nuoto.

Lavare tessili d'uso comune, come federe e asciugamani, aiuta a prevenire la diffusione di agenti patogeni.

Mai condividere gli asciugamani: questa premura assume ancor più importanza se, in famiglia, qualcuno soffre di un'infezione oculare conclamata.

Ricordiamoci di indossare sempre gli occhiali di protezione durante il lavoro e le attività di fai da te, per scongiurare qualsiasi minaccia per gli occhi.

Programmiamo una visita con il nostro oculista: un professionista saprà offrirci una consulenza specifica, nonché suggerirci il trattamento più adatto per il nostro caso di infezione agli occhi.

 

Optrex ActiMist Spray 2in1 è una linea di Dispositivi Medici CE0482, Optrex ActiDrops collirio 2in1 Rinfrescante, Optrex ActiDrops collirio 2in1 Lenitivo e Optrex Multi Azione bagno oculare sono Dispositivi medici CE. Optrex ActiDrops collirio 2in1 Reidratante è un Dispositivo medico CE0120. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni d’uso. Autorizzazione del 24/10/2017

 

Optrex ActiDrops ™ Collirio 2in1 Rinfrescante per occhi Stanchi

Optrex ActiMist™ SPRAY 2in1 per occhi Stanchi e Arrossati