Oculista: come prepararsi per la visita

 

Gli oculisti sono medici specialisti, preparati per esaminare gli occhi e rilevare una varietà di problemi, tra i quali: difetti visivi, eventuali lesioni, malattie o problemi connessi con la salute in generale.

L'ampia portata delle problematiche che sono in grado di identificare, va a sottolineare quanto sia importante programmare delle visite complete, con regolarità. Nel presente articolo, esamineremo i motivi per cui tali visite siano così importanti, con quali cadenze sia consigliato consultare il proprio oculista, e quali precauzioni prendere, prima e durante la visita.

Perché è necessario andare dall'oculista?

Pensare che non vi sia alcuna necessità di una visita oculistica, soltanto perché si ritiene di non avere problemi visivi, non sempre è giusto. Le visite oculistiche, infatti, non riguardano esclusivamente chi ha problemi di vista. Ma permettono di rilevare eventuali complicazioni agli occhi, in fase iniziale: prima, cioè, che si manifestino i sintomi, potendo, in tal modo, agire per tempo e impedire che peggiorino. Ciò è molto importante, perché può essere difficile, in seguito, riparare danni troppo a lungo trascurati.

Gli oculisti sono anche in grado di vedere i segni di malattie gravi, nella parte posteriore dell'occhio. La dilatazione degli occhi, ad esempio, può essere un indicatore di pressione alta o di diabete, molto prima che si manifestino altri sintomi. Da questo punto di vista, quindi, la visita oculistica può servire da controllo sanitario in generale, oltre che per gli occhi.

Ogni quanto tempo è consigliato farsi visitare?

È buona norma farsi visitare dal proprio oculista con regolarità, indipendentemente da quanto sia buona la nostra vista. Visite regolari sono fondamentali per identificare quelle condizioni che richiedono cure specialistiche, come la retinopatia diabetica e il glaucoma. Il suggerimento è di prenotare, di nostra iniziativa, un esame della vista ogni due anni. O più spesso, quando sia stato consigliato da un esperto.

Per chi soffre di diabete, si consiglia di prenotare visite oculistiche più frequenti, in quanto esistono potenziali complicanze di questa patologia che possono portare anche alla cecità. Allo stesso modo, coloro che hanno familiarità con malattie degli occhi, come la degenerazione maculare e il glaucoma, dovrebbero farsi vedere più frequentemente dall'oculista, in quanto sono a rischio più elevato, rispetto agli altri.

Suggerimenti per la visita

Prendiamo in considerazione queste precauzioni prima della visita oculistica.

Farsi un riassunto degli eventuali problemi avuti dall'ultima visita

È molto importante aggiornare il medico sugli eventuali problemi che potremmo avere avuto dall'ultima volta che lo abbiamo consultato. Da una visita all'altra, possono essere passati anche due anni, e in tale periodo molte cose possono avvenire. Se siamo in grado, quindi, d'informare l'oculista su eventuali problemi occorsi, e il momento in cui sono sorti, lo aiuteremo a stabilire la causa e a fornirci la soluzione.

Farci controllare occhiali e lenti a contatto

Se portiamo gli occhiali o le lenti a contatto, potremmo farceli controllare prima della visita oculistica. In tal modo, eventuali problemi di vista, dovuti a occhiali o lenti a contatto non adeguati, sarebbero attribuiti a questi, e verrebbero corretti a parte.

Preparare le domande che ci interessano maggiormente, in modo da non dimenticarle

Come già detto, tra una visita oculistica e l'altra, passa molto tempo, per cui bisogna cercare di valorizzare al massimo i minuti che trascorreremo con lo specialista. Al fine di garantirci un'esauriente informazione sulla salute dei nostri occhi, potremmo avere la curiosità di porre alcune domande all'oculista. Sarà una buona soluzione, allora, annotarcele, così da non rischiare di dimenticarle.

Chiedere consigli sulle eventuali terapie

Anche se, naturalmente, ci auguriamo che non ce ne sia bisogno, la nostra visita oculistica potrebbe evidenziare alcuni problemi, che possono andare dai danni fisici alle malattie oculari. Alcuni di questi potrebbero richiedere cure mediche, mentre altri potrebbero essere anche curati da noi stessi. Se ci troviamo nell'ambulatorio medico perché accusiamo disturbi agli occhi, vorremo poter venire via pienamente informati. Così, possiamo prendere in considerazione domande del tipo:

  • Tra quali varietà di trattamento indicati nel mio caso, posso scegliere?
  • Lei quale mi consiglierebbe?
  • Si tratta di terapie facili da usare?
  • Con quale frequenza dovrei usarle?
  • Devo tenerne una scorta?

Nel frattempo, sono a disposizione numerosi prodotti  in farmacia, che aiutano a preservare la salute degli occhi, e altri che combattono i sintomi di alcuni disturbi oculari. Ad esempio, Optrex ActiDrops Collirio 2in1: si tratta di gocce oculari, facili da usare, che servono a reidratare occhi secchi, a lenire il prurito e a rinfrescare occhi stanchi. Per saperne di più, o per vagliare altri prodotti per la cura degli occhi all'interno della gamma Optrex, fare riferimento alla sezione dedicata (Prodotti per gli occhi Optrex).

 

Optrex ActiMist Spray 2in1 è una linea di Dispositivi Medici CE0482, Optrex ActiDrops collirio 2in1 Rinfrescante, Optrex ActiDrops collirio 2in1 Lenitivo e Optrex Multi Azione bagno oculare sono Dispositivi medici CE. Optrex ActiDrops collirio 2in1 Reidratante è un Dispositivo medico CE0120. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni d’uso. Autorizzazione del 24/10/2017

 

Altri articoli:

Optrex ActiDrops ™ Collirio 2in1 Rinfrescante per occhi Stanchi

Optrex ActiMist™ SPRAY 2in1 per occhi Stanchi e Arrossati